Mostra arte contemporanea

febbraio 23, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: Piemonte 

Titolo dell’evento
INSERTS
Personale di Pier Toffoletti

Inaugurazione: 18 marzo alle h.18,30
Location: LA CONTEMPORANEA – studio | art gallery – Arte Architettura Interior Design
Via della Rocca ,36 10123 Torino
www.lacontemporaneatorino.com
TEL+39.011.0746.769
Periodo: dal 18 Marzo al 30 Aprile 2010
Orari: feriali 15.30 19.30; Domenica e festivi su appuntamento
Ingresso: gratuito
Organizzazione:
Casa d’Arte San Lorenzo – San Miniato/Milano | La Contemporanea – Torino
Info:
+39.011.0746.769 +39.335.6233779 +39.0239432561
info@lacontemporaneatorino.com
galleria@arte-sanlorenzo.it

OGGETTO:

La Contemporanea Studio I Art Gallery dà avvio al suo secondo anno di attività con l’inaugurazione del 18 marzo 2010 di INSERTS – Personale di Pier Toffoletti.


Dopo il ciclo di esposizioni legate al tema dell’Architettura, ci si allontana momentaneamente dalle visuali urbane per concentrarsi su chi la realtà cittadina la vive e la anima, virando l’attenzione sulla componente più frizzante e caratteristica: i giovani.
Una deviazione dal percorso “originario” per celebrare l’entusiasmo e l’intraprendenza di un’attività che con le stesse peculiarità di dinamismo e determinazione delle nuove generazioni, ha aperto i suoi battenti, guadagnando il proprio spazio nella vasta offerta dell’Arte Contemporanea Torinese.

INSERTS
Personale di Pier Toffoletti

Gli architetti Cristiana Pecile e Marzia Altaira Grazzini sono liete di presentare “INSERTS”, la mostra attraverso cui il friulano Pier Toffoletti espone la nuova produzione artistica caratterizzata da novità’ nel soggetto e nella tecnica.
Saranno presentate 15 opere, in parte su tela in parte su tavola, con cui si introducono nel processo di esecuzione tradizionale inserti fotografici atti a realizzare un contrasto di metodi e materiali.
La tecnica di base rimane quella tipica dell’affresco: strati di amalgama a base di malta e sedimenti fluviali uniti da colle naturali, sopra ai quali si interviene pittoricamente con colori ad olio.
La successiva contaminazione crea un mix che ha lo scopo di enfatizzare dettagli differenti
dell’ immagine integrale, valorizzando da un lato l’occhio che ruba il particolare e dall’ altro la mano che sviluppa il processo pittorico.
L’innovazione, però, si rivela anche nella scelta dei soggetti.
Si tratta di momenti di spensieratezza raccolti fra gruppi di studenti, ritagli di quotidiana ed adolescenziale routine con cui il pittore si allontana dall’iconografia femminile indagata in precedenza per dare ai suoi quadri un’ allure di giocosa e fresca spontaneità. Frammenti di contemporaneità espressi dalla componente più rappresentativa dei giorni nostri, i giovani, figure che Toffoletti elabora con la padronanza che lo contraddistingue e che adotta nella costruzione dell’opera in modo magistrale.
La ricerca di una nuova modernità, che si esprime ora non solo nello stile, ma anche nella poetica.

Cima da conegliano

febbraio 23, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: Veneto 

Mostra Cima da Conegliano. Poeta del paesaggio

26 febbraio – 2 giugno 2010

Via XX Settembre, 132 – Palazzo Sarcinelli Conegliano (TV)

Orari di apertura della mostra
Lunedì, martedì, mercoledì, giovedì:
10.00 – 20.00
Venerdì: 10.00 – 22.00
Sabato e domenica: 9.00 – 20.00

A quasi 50 anni dall’esposizione allestita da Carlo Scarpa a Palazzo dei Trecento a Treviso, apre l’imperdibile mostra dedicata a Cima da Conegliano, Maestro annoverato fra i protagonisti dell’età d’oro della pittura veneta.

Grazie all’eccezionale sostegno delle maggiori istituzioni museali del mondo – da Londra a Washington, da Los Angeles a Lisbona, Mosca e San Pietroburgo, da Firenze a Milano, Venezia e Parma, solo per citarne alcune – per cento giorni sarà possibile ammirare i massimi capolavori di uno dei geni assoluti del Rinascimento italiano.

Le opere di Cima torneranno a casa, ospitate negli spazi del cinquecentesco Palazzo Sarcinelli restaurato per l’occasione. Una mostra che offrirà anche, grazie a specifiche sezioni, la possibilità di un continuo confronto e rimando tra brano dipinto e realtà del paesaggio. Un’opportunità imperdibile per godere delle opere del poeta del paesaggio nella città che ne fu ispiratrice, nel luogo che tanto segnò l’artista.


Accanto alle grandi pale d’altare si potranno così contemplare le opere devozionali e quelle tavole con storie mitologiche, spesso eseguite per cassoni nuziali, che hanno reso Cima da Conegliano il massimo interprete della cultura umanistica veneziana.

La mostra è stata realizzata con il contributo della Regione del Veneto.

INFO E PRENOTAZIONI
Numero Verde 800 775083
Da lunedì a venerdì in orario
9.00 – 13.00/ 14.30 – 18.00
www.cimaconegliano.it

Mafia

febbraio 19, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: lombardia 

Twelve

presenta
MAFIA
Icona contemporanea

Mostra di Xante Battaglia
26 febbraio – 26 marzo 2010

Vernissage 26 febbraio ore 19
L’artista presenterà in anteprima mondiale il suo nuovo libro IL NUOVO PRINCIPE, dedicato a Silvio Berlusconi, con il nuovo sovratitolo MAFIA.

Maestro d’arte da oltre trent’anni Xante Battaglia espone in un evento non convenzionale al Twelve di Milano i suoi ultimi lavori, dalla rappresentazione della cantante Madonna, fino alla serie di opere dedicate a Silvio Berlusconi e a Patrizia Daddario.
Battaglia si appropria dell’arte tipografica per intervenire su di essa con segni arcaici e con la libertà della pittura, recuperando lo sdoganamento della parola MAFIA, già da lui utilizzata con il panino mafioso nel 2007.
Artista poliedrico e sempre in contatto con la realtà, non rinuncia mai a contestualizzare il proprio lavoro nella contemporaneità degli eventi, demistificando le nuove icone moderne quasi spinto da un impegno sociale.
Non un provocatore effimero quindi, ma un attento osservatore degli avvenimenti, pronto a rivisitare il messaggio proposto dai media in chiave del tutto artistica.


Xante Battaglia è titolare della prima cattedra di pittura nell’Accademia di Belle Arti di Brera.
Ha esposto tra le altre alla Biennale di Venezia, alla Bonino Gallery di New York, alla Galerie heyram e Grand Palais di Parigi. Ha presenziato a mostre antologiche al Palazzo dèi Diamanti di Ferrara ed alla Permanente di Milano.
La sua arte è stata oggetto di studio da parte di storici d’arte e critici di fama internazionale come Gregory Battcock, Michel Tapiè, Carlo Giulio Carlo Argan, Bruno Zevi, Dino Buzzati, Genevieve Olivier,William Zimmer.

MAFIA – Icona contemporanea di Xante Battaglia
Inaugurazione mercoledì 26 febbraio 2010
La mostra continuerà fino al 26 marzo

In collaborazione con: Rosaspinto e VZComunicazione

Twelve
Viale Sabotino, 12 Milano
tel. 02.89073876
Info: www.twelvemilano.it; info@twelvemilano.it

Tiziano Vecellio

febbraio 19, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: lombardia 

Arte, fino al 21 marzo Tiziano Vecellio in mostra nell’Artbox del Palazzo Pirelli
18 febbraio 2010

Il “Ritratto di Giulio Romano” di Tiziano Vecellio, un olio su tela di proprietà della Regione Lombardia e della Provincia di Mantova (in deposito presso il Museo Civico di Palazzo Te di Mantova) è esposto da oggi, e lo sarà fino a domenica 21 marzo, nell’Artbox del Palazzo Pirelli, allestito nel contesto dell’evento “La Regione dà luce all’arte”.

Il capolavoro di Tiziano, “svelato” oggi dal presidente della Regione Lombardia ha preso il posto del “San Benedetto” di Antonello da Messina in questo spazio esclusivo, che mette il visitatore a tu per tu con l’opera d’arte. Il presidente si è detto “molto contento e orgoglioso di poter ospitare questo capolavoro di Tiziano al Palazzo Pirelli, in modo che sia a disposizione di chiunque lo voglia ammirare”.

“Le iniziative svolte in questo senso negli ultimi mesi – ha aggiunto il presidente – hanno suscitato uno straordinario interesse da parte dei cittadini che infatti sono venuti numerosissimi a visitare la mostra e l’Artbox, che abbiamo aperto il 3 dicembre scorso”. Il presidente ha parlato di “un omaggio alla bellezza, che è aspirazione di ogni uomo, e all’arte”.


L’Artbox ha già ospitato “Il Ritratto della contessa Teresa Zumali Marsili con il figlio Giuseppe” di Francesco Hayez dal 3 dicembre al 10 gennaio e accoglierà il “Ritratto di Carlo Carvaglio” di Mario Sironi dal 25 marzo al 25 aprile. Avviata lo scorso 3 dicembre, l’iniziativa “La Regione dà luce all’arte” comprende, oltre all’Artbox, una mostra con 22 capolavori dell’arte rinascimentale e barocca provenienti dal patrimonio degli ospedali lombardi (Giovanni Cariani, Moretto da Brescia, Romanino, Giovanni Battista Moroni, Camillo Procaccini, Fra’ Galgario tra gli altri), aperta gratuitamente fino al 28 febbraio.

“Con questa iniziativa – ha proseguito il presidente – abbiamo voluto mettere a disposizione di tutti un patrimonio di bellezza e di arte di altissima qualità, recuperando i capolavori, spesso poco conosciuti, degli ospedali lombardi. I cittadini hanno dimostrato di condividere e apprezzare il nostro lavoro indirizzato a recuperare e rendere fruibile questa ricchezza, anche in forme nuove”.

IL RITRATTO DI GIULIO ROMANO DI TIZIANO VECELLIO – Il capolavoro, pervenuto ai Gonzaga dopo la morte del figlio di Giulio Romano (1562), appare nelle liste predisposte dal mercante tedesco Daniel Nijs per Carlo I d’Inghilterra tra 1626 e 1627. Nella redazione dell’inventario delle collezioni di Carlo I, esistente presso il Victoria and Albert Museum, risulta già correttamente riferito a Tiziano, il cui nome nei successivi passaggi di proprietà non sarà più messo in dubbio.

La tela subì numerose peripezie nel corso degli anni. Verso la fine del Settecento viene segnalato a Rossie Priory in Irlanda tra i beni artistici di George, settimo Lord Kinnaird, e lì vi rimase fino all’asta degli stessi, che immetteva il dipinto in un circuito mercantile che attingeva alle raccolte della famiglia filippina Marcos, la cui catastrofe politica consentiva l’intervento congiunto della Provincia di Mantova, della Regione Lombardia e della Fondazione Cariplo che riconsegnava il capolavoro all’Italia.

Una volta accertata come veritiera l’identità dell’effigiato e la paternità tizianesca del dipinto, rimase aperto il dibattito intorno alle circostanze, non solo cronologiche, dell’esecuzione del quadro, generalmente datato intorno al 1536. Si giunse a questa conclusione sia per argomenti di ragione stilistica – le consonanze con capisaldi della ritrattistica tizianesca del quinquennio 1536-1540, dal Ritratto di Francesco Maria I della Rovere alla Allocuzione di Alfonso d’Avalos del Prado – sia di ordine esterno collegate alla decisione di Federico Gonzaga d’allestire “in castello”, nei nuovi appartamenti ducali, un “camerino” ove fossero esposte le effigi pittoriche di undici imperatori romani.

L’impresa aveva avuto inizio proprio nel 1536; in questo caso, se Giulio Romano ne assumeva la responsabilità architettonica e decorativa, già il 10 luglio di quello stesso anno Tiziano si era impegnato ad eseguire “li retratti delli Imperatori”, che collocherà nel “camerino” nel 1540 – anno in cui il cadorino è effettivamente documentato a Mantova.

Pagina successiva »

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network